Libreria antiquaria
Bourlot

Dal 1848
Libri e stampe antiche

Libreria antiquaria
Bourlot


Uzzino, Antonio Maria. Guida per ben visitare la Nuova Gerusalemme nel Sacro Monte di Varallo. Varallo, s.d. (1779), legato con Bordica, Gaudenzio. Storia e guida del Sacro Monte. Varallo, Caligaris, 1830, legato con Riflessioni morali. s.n.t.

Preziosa raccolta delle rispettive prime edizioni, di due delle opere fra le più rinomate tra quelle dedicate al celebre luogo di culto valsesiano, incentrate sul sacro Monte (o nuova Gerusalemme) di Varallo, uno dei più importanti monti sacri del nord Italia, alla cui realizzazione lavorarono alcuni importanti pittori e scultori a partire dall’inizio del XVI secolo e fino a tutto il 1700.

€ 1.450,00

Descrizione

In-8°, 3 opere in un volume.
1ª opera: 141 pagg. num. incluso il frontespizio, 1 pag. non num.
Antiporta con 1 ritratto del Beato Bernardino Caimo fondatore del Santuario di Varallo, frontespizio con marca tipografica, capilettera, finalini e fregi, 3 tavole ripiegate incise su rame raffiguranti rispettivamente una veduta d’insieme delle cappelle e le due piazze principali e 3 ulteriori vedute fuori testo e a piena pagina. Sono inoltre presenti nel testo ben 48 xilografie raffiguranti le scene presenti all’interno delle diverse cappelle, oltre che ulteriori scorci. In appendice all’edizione troviamo l’elenco “Degli architetti, pittori, plasticatori, e statuarj, che si sono distinti nel Santo Monte”.
L’opera di Antonio Maria Uzzino comprende la storia della costruzione del complesso, cui fa seguito una dettagliata guida per la sua visita, organizzata attraverso le 46 cappelle della quale si compone. Particolarmente pregiato l’apparato iconografico. La guida è arricchita da una litografia in aggiunta, non facente dell’opera, applicata al foglio di guardia anteriore, raffigurante una stazione della Passione di Cristo.
2ª opera: 1 tavola, 102 pagg. num. (ultima bianca).
Antiporta con decorativa veduta a volo d’uccello della città e del Sacro Monte di Varallo, incisa dallo stesso Bordiga, frontespizio, dedica al lettore.
Altrettanto interessante risulta questa seconda opera, nella quale Gaudenzio Bordiga descrive l’origine, la storia, le bellezze artistiche ed architettoniche del Sacro Monte, ma anche del centro valsesiano.
3ª opera: front., 21 pagg. num., 3 pagg. non num., 1 c. di errata applicata al foglio di guardia posteriore.
Legatura databile agli anni ’30 dell’Ottocento, in cartonaggio rigido verdino con greche ai piatti che incorniciano il titolo a quello anteriore e fregio tipografico su quello posteriore, numerosi segnacoli in seta verde, gialla e azzurra.
Preziosa raccolta delle rispettive prime edizioni, di due delle opere fra le più rinomate tra quelle dedicate al celebre luogo di culto valsesiano, incentrate sul sacro Monte (o nuova Gerusalemme) di Varallo, uno dei più importanti monti sacri del nord Italia, alla cui realizzazione lavorarono alcuni importanti pittori e scultori a partire dall’inizio del XVI secolo e fino a tutto il 1700.
Buona conservazione delle tre opere.

Ti potrebbe interessare