Facebook  Twitter  IT EN
Prodotti in vetrina

"Platea Regia Augusta Taurinorum". Amsterdam, J. Blaeu, 1682.

 

 

 

Incisione originale eseguita su rame.
Impressa ad Amsterdam nel 1682 per il Theatrum Sabaudiae, su disegno di Giovanni Tommaso Borgonio del 1674, presso lo stampatore Joannis Blaeu.
Veduta prospettica di Piazza San Carlo entro cornice di forma ottagonale.
In alto al centro titolo in latino entro nastro sorretto da putti alati, a destra lo stemma della città sorretto dalla Duchessa di Savoia Maria Cristina e un angelo che offre un ramo d’alloro e una corona. Ai quattro angoli monogramma della Duchessa.
La Piazza, fu fatta costruire da Maria Cristina di Savoia su progetto dell’architetto Carlo di Castellamonte. Sullo sfondo le due chiese: quella di Santa Cristina fondata nel 1639 e quella di San Carlo, costruita nel 1619 da Carlo Emanuele  I.
Il Theatrum Sabaudiae costituisce la prima e la più importante raccolta di vedute di Torino e del Piemonte.
Buono stato di conservazione della carta e dell’impressione, ampi margini.
cfr. Ada Peyrot, Torino nei secoli, tomo I, n° 62/5.

"Carte solitarie della fortuna". Torino, Cesare Jona, 1938.      


Mazzo completo di 52 carte solitarie della fortuna (5,9 x 9,7 cm) incise su legno, in coloritura a mascherina. Il verso delle carte è decorato da xilografia in blu con decori distribuiti in modo parallelo, più foglio con le regole del gioco (14,2 x 22,8 cm), stampato da ambo i lati.
Impresse a Torino nel 1938 da Cesare Jona, come si evince dal bollo di tassazione datato “Sett. 1938” presso la “Fabbrica Carte da Giuoco Torino - Via Palazzo di Città 2”.
Le carte sono illustrate con figure simboliche: Allegrezza al cuore, Amore, L’amica, Fortuna, Presente di pietre preziose, Disperato per gelosia, Denari, La leggerezza, Falsità. L’allegria, Donna maritata,  ecc.
Ottima conservazione del mazzo di carte. Segni di piega originali e qualche restauro ben eseguito sul foglio delle istruzioni.

Pier Francesco Giambullari. "Del sito, forma, & misure, dello Inferno di Dante". Firenze, Neri Dortelata, 1544.

 


In-24°, 153 pagg. num. incluso il frontespizio, 15 pagg. non num.
Al frontespizio e al verso dell’ultima carta marca tipografica raffigurante arca di Noé con sopra una colomba con ramoscello di ulivo nel becco e motto “L’acqua ch’io prendo giamai non si corse”, dedica all’Eccellentiss. Cosimo De’ Medici, numerose xilografie nel testo di varie dimensioni, alcune a piena pagina, in fine tavola delle cose notabili.
Completo.
Legatura del ’700 in piena pergamena semirigida, piatti muti, lungo tutto il dorso titolo manoscritto a china in ordinata grafia, tagli spruzzati rossi.
Trattato interamente dedicato a un singolo studio post-classico, che afferma la supremazia della lingua fiorentina nello sviluppo della lingua. Curiosamente l’autore stampa tutti gli accenti necessari per ascoltare la pronuncia fiorentina della lingua italiana, un requisito molto prezioso per i filologi d’oggi.
Il letterato e storico fiorentino Giambullari (*Firenze 1495 - †1555), membro dell’Accademia Della Crusca, dedica questo libretto al Duca di Firenze Cosimo De’ Medici.
Non comune edizione originale arricchita dalle incisioni su legno.
Ottima conservazione.
cfr. Gamba 1422; Sabin 27265; Brunet II 1582.

James Cook. Navigazioni di Cook pel grande oceano e intorno al globo. Milano, Dalla Tipografia Sonzogno e Comp., 1816 - 1817.

 

 


In-12°, opera in 7 volumi.
1° volume: XL pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 212 pagg. num., 2 cc. non num.
Occhietto, frontespizio, 5 tavv. di cui un ritratto in antiporta inciso da Giuseppe Dall’Acqua e una grande carta geografica più volte ripiegata, tre di queste acquerellate all’epoca e protette da veline originali, in fine indice. Contiene i viaggi di Byron e di Carteret.
2° volume: 334 pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 1 c. non num.
Occhietto, frontespizio, 4 tavv. fuori testo, acquerellate all’epoca e protette da veline originali, indice in fine. Contiene i viaggi di Wallis, di Bougainville e di Surville.
3° volume: 286 pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 1 c. non num.
Occhietto, frontespizio, 4 tavv. fuori testo, alcune acquerellate all’epoca e tutte protette da veline originali, indice in fine.
4° volume: 318 pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 1 c. non num.
Occhietto, frontespizio, 5 tavv. fuori testo, alcune acquerellate all’epoca e tutte protette da veline originali, indice in fine. Questo volume possiede 1 tavola in più rispetto ai soliti esemplari, la n° IV è stata ripetuta ed acquerellata in modo differente.
5° volume: 393 pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 1 pag. non num.
Occhietto, frontespizio, 4 tavv. fuori testo, alcune acquerellate all’epoca e tutte protette da veline originali, indice in fine.
6° volume: 305 pagg. num. inclusi l’occhietto e il frontespizio, 1 pag. non num.
Occhietto, frontespizio, 6 tavv. fuori testo, alcune acquerellate all’epoca e tutte protette da veline originali, di cui una più volte ripiegata, indice in fine.
7° volume: 286 pagg. num., 1 c. non num. (bianca).
Opera completa.
Legatura coeva in mezza pelle, piatti marmorizzati, dorsi con fregi, numerazione e titoli impressi in oro, tagli spruzzati rossi.
Pregevole prima edizione italiana dei viaggi del Capitano Cook. Anticamente, nel sesto volume, è stata aggiunta una tavola settecentesca ripiegate ed incisa in rame che raffigura la morte di Cook.
Esemplare marginoso e ben conservato. Ex libris rimosso al contropiatto di ciascun volume.
cfr. Beddie 86; Forbes 449.

Disegni originali per illustrare libri di favole e racconti per bambini. 1945 - 1955.

 


Disegni originali eseguiti a tempera a più colori, di diverse dimensioni, su supporto di cartoncino.
Eseguiti dal 1945 al 1955 da artisti diversi, la maggior parte firmati e titolati: Miche, Grazia Midasio, Kara, Garavaldi, Giulia Tonelli, G. Demo, Liuraghi e altri.
Divertenti e decorativi disegni eseguiti per illustrare libri di favole e racconti per ragazzi.
Le illustrazioni raffigurano scene tratte dai celebri e classici racconti come: Cappuccetto rosso, il topo campagnolo, il gatto e i topi, il piccolo imbianchino, l’albero di Natale, il pappagallo e il gattino, la gallina dalle uova d’oro, il leone innamorato, il pastore e il mare, il coniglio vanitoso, le avventure di scimmiottino, la scimmia ladruncola, il tigrotto malinconico, bianchina pecorella sciocchina, le avventure di micetto, baha orsacchiotto goloso, ecc.

Piero Dorazio - Pablo Neruda. La nave e altri testi. Milano, M’Arte edizioni, 1973.

 


In-folio, 43 cc. non num. incluso il frontespizio.
Frontespizio, testo in spagnolo con traduzione italiana, poesia introduttiva di Rafael Alberti firmata a matita in fine, 3 litografie originali a colori di Dorazio, fuori testo e a piena pagina, numerate e firmate a matita, note su Pablo Neruda e Piero Dorazio, in fine giustificazione.
Completo.
Legatura in carta editoriale arancione ripiegata con titoli, contenuta entro cartella di colore arancione e bordi bianchi con piatti muti e dorso con titoli, tagli con barbe, custodia rigida anch’essa arancione.
Piero Dorazio (*Roma 1927 - †Perugia 2005) pittore e architetto italiano. Intraprende la sua vita di studente di architettura, ma si orienta rapidamente verso l’arte e in particolare. Comincia la sua carriera di pittore con opere figurative, ma queste assumeranno successivamente uno spirito cubista e poi futurista, caratterizzate da toni vivi e contrastanti. A partire dal 1984, collabora con il “Corriere della Sera”, diventando il critico d’Arte accreditato del quotidiano.
Pablo Neruda (*Parral 1904 - †Santiago del Cile 1973), poeta cileno. Viene considerato una delle più importanti figure della letteratura latina americana contemporanea. Nel 1971 ricevette il Premio Nobel per la letteratura.
Esemplare n° 75 su 177, con le riproduzioni dei manoscritti originali della poesia “La nave” con firma di Neruda e della poesia “Con Pablo Neruda en el corazòn” con firma di Raphael Alberti.
Perfetto stato conservativo dell’opera.

Pagine: 123456789101112
Logo Alai
Logo lila lilab