Twitter  IT EN
Featured products

Zalli, Casimiro. Disionari piemontèis, italian, latin et fransèis. Carmagnola,  da la Stanparia d’Peder Barbiè, 1815.

In-8°, tre tomi legati in un solo volume.
1° volume: 2 cc. non num. incluso il frontespizio, 508 pagg. num.
2° volume: 496 pagg. num. incluso il frontespizio.
3° volume: 628 pagg. num. (ultima bianca).
Marche tipografiche incise su legno ai frontespizi, testo disposto su due colonne.
Opera completa.
Legatura della metà dell’Ottocento in mezza pergamena rigida, piatti in carta spruzzata, tassello in pelle marrone al dorso contenente titoli impressi in oro.
Edizione originale del più importante e completo dizionario del dialetto piemontese.
Sono presenti le pagine da 607 a 627 dell’ultimo volume, che consistono in un copioso elenco delle famiglie “Catalogo degli associati al presente dizionario”, sempre mancante negli esemplari  riscontrati nelle biblioteche. Di grande interesse in quest’indice è l’associazione a ogni singola persona del mestiere professato all’epoca.
Buona conservazione dell’opera. Piccolo strappo alla pag. 221 del secondo vol., senza aver minimamente intaccato il testo.
cfr. Prati 692; Clivio 3124.

"Regno di Napoli". Francoforte, M. Merian, 1640.

Incisione originale eseguita su rame (mm 358 x 278 l’impressione più margini).
Impressa a Francoforte nel 1640 da Mattheus Merian, tratta dall’opera di Martin Zeiller “Itinerarium italiane Nov-Antiquae”.
Interessante carta geografica raffigurante il Regno di Napoli.
In basso a destra titolo entro sontuoso cartiglio sostenuto da figure allegoriche e sormontato da stemma. L’incisione è arricchita dai dodici stemmi delle province del Regno, disposti sei per lato.
Sala distanziometrica in alto al centro. Velieri e rosa dei venti arricchiscono ulteriormente la tavola. Ottimo stato.
cfr. Cremonini 26-35.

"Grand Prix De Paris 1864". Parigi, Goupil & C., 1866.

Incisione originale eseguita all’acquatinta, finemente ripassata a mano all’acquerello (mm 1145 x 640 l’impressione più ampi margini).
Impressa a Parigi nel 1866 dal pittore e incisore John Harris (*1790 circa - †1873) presso Goupil & C., tratta dal dipinto di Henry Delamarre.
Esecuzione incisoria raffigurante il Grand Prix de Paris del 1864, evento annuale che si disputava presso il parco Bois de Boulogne, istituito per la prima volta nel 1863 e soppresso pochi anni dopo.
In basso al centro il titolo. Lungo la parte inferiore i nomi dei fantini con accanto i rispettivi nomi dei cavalli.
Perfetta conservazione. Robusta cornice in noce scuro.
cfr. Benezit VI 766.

Litta Biumi, Pompeo. Famiglie Celebri Italiane. Milano, Dalla Tipografia del Dottore Giulio Ferrario, 1846.

In-folio grande, XXIV tavole su bifoli num. di testo contenenti la genealogia di Casa Savoia, con stemma araldico inciso su rame e miniata all’epoca sulla prima, 112 tavole incise al tratto, compresa una a doppia pagina, alcune ritoccate a mano “a la gomme”, inoltre 9 tavole sono state incise all’acquatinta e raffigurano vedute dei luoghi più suggestivi presenti nei territori sabaudi come la Sacra di San Michele, la Basilica di Superga, l’antica Porta Fibellona (piazza Castello), i castelli di Avigliana, di Fossano, di Ivrea …, 29 carte geografiche finemente acquerellate arricchite da stemmi magistralmente miniati e rialzati in argento ed oro, le prime due carte forniscono una visione globale degli stati sabaudi, le successive invece tratteggiano i confini di ciascun ducato o contea.
Le vicende delle famiglie sono illustrate attraverso un diagramma ad albero discendente dove, per ogni personaggio sono dedicate note biografiche di estensione variabile da poche righe a più colonne.
Legatura coeva in mezza pelle marrone, piatti in tela percallina vinaccia con stemma sabaudo al centro del piatto anteriore, dorso a 6 comparti con nome dell’autore, titolo e ricchi fregi impressi in oro, sguardie policrome con gigli. All’interno ottimamente conservata la brossura originale in color carta da zucchero con titoli al piatto anteriore e catalogo alfabetico delle famiglie su quello posteriore.
Completo.
Il volume appartiene all’imponente opera “Famiglie Celebri Italiane”di Pompeo Litta Biumi (*Milano 1781 - †1852). Il presente, dedicato interamente ai Savoia, composto tra il 1839 e il 1845, è il più ricco e abbondante, in considerazione del vasto numero di pagine ad essa dedicata. Spiccano per la loro bellezza i ritratti di Tommaso ed Eugenio, principi di Savoia e quello di Carlo Alberto a Cavallo. Segnaliamo anche le tre splendide tavole raffiguranti le vetrate della cappella della famiglia reale nella Chiesa di Brou e le illustrazioni raffiguranti i collari degli ordini di San Maurizio e Lazzaro e della SS. Annunziata.
L’autore strutturò l’intera opera, Famiglie Celebri Italiane, come una raccolta a dispense, ciascuna delle quali dedicata a una famiglia, anche se non fu raro il caso di famiglie la cui storia richiese più dispense (come per i Savoia, gli Orsini, i Medici e i Gonzaga).
Ottima conservazione dell’opera in generale.
cfr. Manno-Promis I 181.

La Strenna del Fischietto pel 1878. Torino, Stabilimento Artistico-Letterario, 1878.

In-8°, 68 cc. non num. inclusi l’occhietto e il frontespizio.
Occhietto, frontespizio e testo entro bordura tipografica, una buffa caricatura orna il titolo, prefazione, numerose litografie nel testo. Interessano Gressoney e l’alpinismo 8 pagine, compresa una doppia, tratte dai disegni di Casimiro Teja.
Completo.
Brossura editoriale illustrata a colori da Dalsani.
Rara Strenna per l’anno 1878 del periodico satirico dell’Ottocento piemontese, particolarmente ricercata per la sezione dedicata al congresso degli alpinisti, in essa contenuta. Sono inoltre presenti scritti di autori diversi, i quali si firmano con pseudonimi: racconti, epigrammi, divagazioni di carattere umoristico-satirico.
Sconosciuta alle bibliografie di riferimento.
Esemplare complessivamente in buone condizioni; brossura con minimi difetti agli angoli.

Besso, Beniamino. Il Cenisio, illustrato e descritto. Torino, Luigi Mattirolo, 1871.

In-16°oblungo, 1 tavola, 24 pagg. num., 1 tabella rip., 2 ritratti, 11 tavole, 1 c. non num.
Frontespizio litografico con titoli inscritti entro una stele che ha alla base arnesi di lavoro, posta dinanzi all’imbocco sud della galleria del Frejus a Modane, dedicatoria, 1 tabella ripiegata titolata “Quadro degli avanzamenti ottenuti ai due imbocchi con mezzi sì ordinarii che meccanici, al 26 dicembre 1870”, seguono due ritratti eseguiti in litografia di Grattoni e di Sommellier e 12 litografie a piena pagina raffiguranti: entrata del foro, esteriore dei compressori, compressori, macchina perforatrice in servizio, locomotiva Fell, curva della strada ferrata Fell, Lanslebourg, tunnel Les Echelles, la Gran Croce, un’altra veduta di Lanslebourg e veduta generale dell’apertura, in fine pubblicità editoriale.
Completo.
Legatura editoriale in tela percallina arancio con impressioni a secco e titoli in oro al piatto anteriore.
Prima e unica edizione. Un prezioso documento sull’apertura del traforo del Moncenisio. L’autore, Beniamino Besso fu direttore delle Ferrovie Sarde e autore di svariate pubblicazioni ferroviarie e tecniche.
Buona conservazione delle tavole e dell’opera in generale. Segnaliamo una piccola gora su qualche carta.
cfr. Ada Peyrot, Le Valli di Susa e del Sangone, tomo II, n° 297; SBN censice un unico esemplare alla Civica di Torino; manca alla Bibliografia Ferroviaria Italiana.

Pages: 1234567
Alai Logo
lila lilab Logo