Twitter  IT EN
Featured products

Pitteri, Marco Alvise. Le Roy Boit. Venezia, 1750 circa.

Incisione originale eseguita al bulino su carta vergellata (mm 355 x 470 l’impressione).
Impressa a Venezia nel 1750 circa da Marco Alvise  Pitteri, tratta dal dipinto di uno dei più importanti artisti fiamminghi del XVII secolo David Teniers detto “Il Giovane” (*Anversa 1610 - †Bruxelles 1690).
Scena di vita quotidiana rappresentata con tre personaggi all’interno di una taverna, luogo di incontro e di svago della borghesia mercantile. Sono immagini che raccontano la quotidianità nel suo aspetto più genuino. Tuttavia questo è un documento che ci permette di comprendere le abitudini delle persone in un determinato periodo storico.
Marco Alvise Pitteri, disegnatore e incisore veneziano (*Venezia 1702 - †1786) è importante per le incisioni al bulino tratte dai disegni di Piazzetta. Collaborò inoltre con Pietro Longhi e con Giandomnenico Tiepolo.
Buono stato conservativo della carta e dell’impressione, rifilata al limite interno della battuta.
cfr. Benezit XI 37; Buzzanca, Il Settecento veneto nelle stampe 187.

Vedute di Venezia, Giovanni Pividor, 1850 ca.

Coppia di litografie originali, acquerellate a mano all’epoca (mm 575 x 380).
Eseguite a Venezia nel 1850 circa da Giovanni Pividor (*1812 - †1872) e finemente dipinte da Giulia Rovaldi.
Raffinati scorci della città di Venezia. Il cielo sovrasta un paesaggio di grande suggestione, numerose figure animano la scena.
In basso al centro titoli a tempera bianca.
1) Piazza S. Marco.
La veduta presa da una posizione frontale, raffigura il centro monumentale della città con piazza San Marco in primo piano.
2) Il Molo.
Pittorico scorcio del molo, il tratto di riva a lato di piazza San Marco.
Perfetta conservazione della litografia e del colore di entrambe le tavole. Cornici lacccate oro con passepartout grigio.
cfr. Benezit XI 40.


Venetia. Amsterdam, Joannes Jansonius, 1657.

Incisione originale eseguita su rame su due fogli (mm 1034 x 417 l’impressione più margini).
Impressa ad Amsterdam nel 1657 da Joannes Jansonius (*1588 - †1664) e inserita nella raccolta di vedute di città italiane, intitolata “Theatrum urbium Italiae”.
Rara e grandiosa raffigurazione prospettica della città di Venezia, con e isole di Murano, della Giudecca, di S. Giorgio e di S. Elena.
Titolo in latino in alto al centro e a destra leone marciano visto di fianco entro cartiglio araldico sormontato dal corno ducale.
Questa importante veduta di Venezia è tratta dalla monumentale opera stampata da J. Jansonius o Jansson (genero di J. Hondius) con il proposito di rinnovare l’interesse ed il successo dell’opera del 1570 di Georg Braun, intitolata Civitates orbis terrarum.
Buona conservazione.
cfr. Cassini, Piante e vedute prospettiche di Venezia 43.

 

Capitaine Cook. Parigi, François Xavier Isabey, 1784.

Incisione originale eseguita su rame, su carta vergellata (mm 340 x 295 l’impressione più ampi margini).
Impressa a Parigi nel 1784 da Claude-Mathieu Fessard (*Fointainebleau 1740 - †?), tratta da un dipinto di John Webber (*1750 - †1793), presso François Xavier Isabey.
Raro documento, di grande interesse storico.
Il furto di una scialuppa dalla sua nave da parte degli indigeni delle isole Sandwich è stato nefasto per James Cook, l’ultimo imprevisto del viaggio. Per riaverla indietro, aveva lanciato i suoi uomini contro la popolazione locale, con l'intento di catturare alcuni ostaggi da liberare solo dietro restituzione del maltolto. L’attacco fu violento, e il capitano pagò questo gesto con una coltellata nello stomaco. Morì il 14 febbraio 1779.
Ottima conservazione del foglio intonso.
cfr. Benezit V 423.

Giusta, Giovanni Antonio. Guida ai bagni ed alle acque minerali di Courmayeur. Aosta, Luigi Mensio, 1875

In-8°, 150 pagg. num. incluso l’occhietto e il frontespizio, (le prime IX pagg. sono contrassegnate con numerazione romana).
Occhietto, frontespizio con fregio tipografico, dedica a Giambattista Borelli, prefazione, 2 litografie firmate dai Fratelli Doyen, fuori testo e più volte ripiegate, raffiguranti una veduta di Courmayeur e una veduta del nuovo stabilimento termale di Pré-Saint-Didier, indice in fine.
Completo.
Brossura editoriale con titoli entro bordura ornamentale al piatto anteriore, piatto posteriore con prezzo (L. 2) contornato da volute.
Prima ed unica edizione di questo studio delle varie acque di Courmayeur e Pré-Saint-Didier, con le loro proprietà fisiche e chimiche. Giusta oltre a descrivere la storia e i benefici delle terme, le escursioni, le passeggiate, inserisce anche notazioni turistiche e pubblica, nelle ultime pagine, il Regolamento delle Guide di Courmayeur e la tariffa delle corse.
Ottimo esemplare intonso.
cfr. Réan 173; Perret 1950; Manno 18682; A. Peyrot, Valle d’Aosta nei Secoli, n° 347.

Piovani, Andrea. Congregationis oratorii de urbe demonstrationes geometricæ… Roma, Jo. Zempel e Jo. de Meij, 1728.


In-8°, 18 cc non num. inclusa l’antiporta e il frontespizio, 217 pagg. num., 1 pag. non num.
Antiporta figurata incisa a piena pagina da Filippo Vasconi su disegno di Ghezi, frontespizio figurato in caratteri rossi e neri con fregio floreale, testo in latino, numerosi capilettera istoriati, eleganti testatine e finalini, dedica a Vittorio Amedeo, 68 incisioni intercalate nel testo (comprese 6 testatine allegoriche) raffiguranti figure geometriche.
Completo.
Legatura in piena pergamena rigida coeva, piatti muti, al dorso finto tassello contenente titoli impressi in oro, contropiatti marmorizzati, tagli spruzzati rossi, ex-libris al contropiatto anteriore dell’editore italiano di origine prussiana Leo Samuele Olschki (*Johannisburg 1861 - †Ginevra 1940).
Prima ed unica edizione di questo raro trattato di geometria di Andrea Piovani (*1657 - †1730).
Opera in buono stato di conservazione.
cfr. Riccardi I/2, 281: 1.

Pages: 1234567
Alai Logo
lila lilab Logo